Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Cooperazione Politica

 

Cooperazione Politica

I rapporti tra Italia e Argentina sono eccellenti in virtù degli storici legami culturali che legano i due Paesi e di una forte collaborazione bilaterale nei più diversi settori che vanno dal dialogo politico alla cooperazione economica, scientifica e culturale. Le relazioni bilaterali sono assai salde anche grazie alle numerose visite istituzionali che si sono ininterrottamente susseguite nei due sensi, da Roma a Buenos Aires e dall’Argentina all’Italia. L’ultima vista di un Presidente della Repubblica italiano è avvenuta nel 2017 e quella di un Presidente del Consiglio nel 2018, mentre l’attuale Presidente argentino Alberto Fernandez si è recato nel 2020 a Roma dove ha incontrato il Presidente della Repubblica e il Presidente del Consiglio e nel maggio dello stesso anno, durante la pandemia da Covid-19, ha avuto un colloquio telefonico con il Presidente del Consiglio. A tali visite di alto livello hanno fatto seguito innumerevoli Missioni di Sistema e contatti istituzionali che non si sono mai interrotti, neanche nei momenti più difficili della pandemia.

Italia e Argentina vantano un’attiva collaborazione anche a livello multilaterale: in ambito ONU, ad esempio, entrambi i Paesi appartengono al gruppo “Uniting for Consensus” che si pone l’obiettivo di riformare il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Roma e Buenos Aires sono inoltre protagoniste di un rilancio del dialogo fra blocchi regionali che vede nel negoziato per un Accordo di Associazione fra l’Unione Europea e il Mercosur un importante strumento di cooperazione e di sviluppo delle opportunità di crescita.

L’attuale presidenza italiana del G20, incentrata su “persone, pianeta e prosperità”, rappresenta un ulteriore terreno di dialogo su temi di rilevanza internazionale: dalla pandemia ai cambiamenti climatici, dal sostegno all’innovazione alla lotta contro povertà e disuguaglianze.


16